Convertire sito multilingua in WordPress da qTranslate a WPML

wpml_logoCome molti programmatori che usano spesso WordPress per i propri lavori (personali, come questo blog, o commerciali), ho avuto necessità di creare e gestire più lingue all’interno dei siti. Tra i vari plugin nel web, i più usati sono generalmente QTranslate (gratuito) e WPML (a pagamento). Qtranslate è stata inizialmente la prima scelta, dovuta al fatto che gestisce bene i contenuti multilingua, ed è gratuito. Tuttavia, non si è rivelato affidabile per siti commerciali, in quanto spesso non viene aggiornato tempestivamente ad ogni nuova release di WordPress. Per questo motivo da circa 2 anni mi affido all’ottimo e potente WPML.

Cosa fare però dei siti creati in QTranslate? Ecco una guida veloce per effettuare il trasferimento da un plugin all’altro:

  1. Scaricare WPML dal sito ufficiale
  2. Scaricare il plugin qTranslate Importer: http://wordpress.org/plugins/qtranslate-to-wpml-export/ (al momento il plugin segnala compatibilità fino alla versione 3.6.1 di WordPress, io l’ho testato con la versione 3.8.2 e ha funzionato perfettamente Aggiornamento del 3/9/2014: il plugin è stato aggiornato alla versione 1.3 e ora anche il sito dichiara la compatibilità).
  3. Effettuare un backup completo del Database del vostro sito WordPress.
  4. Disattivare qTranslate
  5. Installare ed attivare WPML, senza configurarlo: il plugin di importazione si occuperà di farlo, con una procedura guidata.
  6. Installare il qTranslate Importer
  7. Avviare il qTranslate Importer e seguire le indicazioni passo-passo.

Al termine, sarà necessario molto probabilmente eseguire alcune modifiche al file .htaccess (vi verranno mostrate a schermo dall’importer)

Inoltre, consiglio di verificare ogni pagina del sito: purtroppo alcune non vengono ripulite completamente, e presentano tutte le lingue in una schermata unica. Un semplice (dipende dal sito) lavoro di copia & incolla sarà sufficiente per ripristinare le pagine mancanti, oppure si può ricorrere al plugin di traduzione delle stringhe di WPML (lo trovate nel vostro account WPML tra i download a disposizione).

La procedura descritta è stata provata e verificata su WordPress 3.8.2, qTranslate 2.5.39qTranslate Importer 1.2 e WPML 3.1.4.

Aggiornamento del 3/9/2014: testato funzionante (e migliorato!) su WordPress 3.9.2, qTranslate 2.5.39qTranslate Importer 1.3 e WPML 3.1.4.

Pubblicato da Simone Zanella

Ing. Informatico (sempre), Prof. di Mate-Informatica-Elettronica (quando capita), sciatore (in inverno), Sampdoriano (quanto basta).

Unisciti alla discussione

4 commenti

  1. Ciao Simone.
    Mi sa che a breve migrerò pur io. QTranslate è rimasto da un bel pò indietro, ancora non esce la versione per WP 3.9.

    Grazie per la info sull’importer.

    Bye,
    Antonio.

    1. Prego! Eh sì, qTranslate purtroppo non è nuovo a rimanere indietro rispetto agli aggiornamenti di WordPress, e per me che faccio siti per lavoro era diventato davvero “critico”. Devo dire che con WPML mi trovo davvero bene, sicuramente all’inizio è un po’ cervellotico, ma una volta imparato noterai che ci fai veramente di tutto, e vale i soldi spesi per la licenza.

  2. Ciao!
    Grazie per la tua guida…. volevo un confronto: fatto il procedimento, visualizzo tutte le pagine bianche. Solo lo sfondo colorato da css ma niente altro. Qualcuno ha avuto la medesima esperienza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito utilizza cookie tecnici per il suo funzionamento. Cliccando su Accetta, scorrendo la pagina, navigando questo sito ne acconsenti l'uso e la tua scelta sarà memorizzata per 12 mesi. I contenuti presenti rappresentano l'opinione personale dell'autore, le guide e gli appunti sono da considerarsi indicativi e si declina ogni responsabilità derivante dall'applicazione delle indicazioni contenuti in essi. Maggiori informazioni sulla privacy e sui cookie (informativa estesa)

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi